FB_IMG_1455033258218I Mamuthones sono, assieme agli Issohadores, maschere tipiche del carnevale di Mamoiada in Sardegna. Le due figure si distinguono per i vestiti e per il modo di muoversi all’interno della processione: i Mamuthones procedono affaticati e in silenzio mentre gli Issohadores vestono in modo colorato e danno movimento alla processione.
Storia
L’origine dei Mamuthones resta ancora oggi controversa.
Alcuni sostengono che il rito risalga all’età nuragica, come gesto di venerazione per gli animali, per proteggersi dagli spiriti del male o per propiziare il raccolto.
Fra le ipotesi avanzate sull’origine della rappresentazione vi sono anche una celebrazione della vittoria dei pastori di Barbagia sugli invasori saraceni fatti prigionieri e condotti in corteo, oppure un rito totemico di assoggettamento del bue, o anche una processione rituale fatta dai nuragici in onore di qualche nume agricolo e pastorale.
Alcuni studiosi sostengono un legame con riti dionisiaci, altri negano questo collegamento, e la includono invece fra i riti che segnano il passaggio delle stagioni.
La maschera facciale del mamuthone (visera) è nera e di legno, bianca quella dell’issohadore. Viene assicurata al viso mediante cinghiette in cuoio e contornata da un fazzoletto di foggia femminile. Il corpo del mamuthone viene coperto da pelli di pecora nera (mastruca), mentre sulla schiena sono sistemati una serie di campanacci (carriga). L’Issohadore, invece, indossa un copricapo detto berritta, maschera bianca, un corpetto rosso (curittu), camicia e pantaloni bianchi, bottoni in oro, una bandoliera di campanellini in bronzo (sonajolos), lo scialletto, le ghette in orbace (cratzas) scarponi in pelle (‘usinzu) e infine la fune (so’a).
Le maschere vengono prodotte con vari tipi di legno successivamente annerito. Oltre al fico viene impiegato l’ontano e l’olmo; qualcuna è in castagno o in noce, mentre anticamente le si produceva in pero selvatico.
Paolo Falqui per Medasa.it

 

Print Friendly, PDF & Email

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0