Radio Alter on the Road Communications ha voluto dialogare con Antonio Fois , un giovane sardo che con i suoi sogni ed impegni ha realizzato BIOMANATURA, un modo di essere e di vivere la natura ed il territorio. Conversare con lui ci ha permesso di addentrarci in un nuovo modo di sentire e vivere la vita in armonia con la nostra terra ed il pianeta.

Quando è nato questo tuo percorso ed il tuo amore per l’Aromaterapia e la natura?

È un sogno che ho fin dall’infanzia. Non avevo ben chiaro come avrei lavorato ed instaurato una mia relazione con le piante. Poi con il mio percorso di studi in Agraria e relativa laurea ho concretizzato ciò. Da questo iter nacque ed ho perfezionato la cultura in vitro in laboratorio e piante officinali. In seguito ad un percorso di selezione di piante di Melaleuca Alternifolio, Tea Tree, ho avuto la forza di creare questa azienda. Tutto è nato con questa pianta che mi ha ispirato ed accompagnato in questo mio sogno, prima in forma sperimentale e oggi in azienda.

Il fatto di esserti avvicinato all’aromaterapia che cosa ti ha dato l’impulso?

Tutto è nato perché soffrivo di balbuzie. Ho avvertito che vi era una correlazione tra l’uso degli oli essenziali, mentre lavoravo la Melaleuca, ed il fatto di lasciar andare questa tensione interna, che vivevo nel parlare e che si convertiva in balbuzie nell’emettere le parole. Così associando l’uso degli oli essenziali, riuscii a calmare questo mio blocco interiore. Intrapresi un mio percorso personale che oggi mi ha permesso anche di diventare insegnate di yoga dinamico e meditazione ed in seguito massaggiatore ayurvedico. Con l’ayurveda, metodo indiano che utilizza olii medicati con piante officinali e olii essenziali, ho integrato le mie conoscenze.

Gli aromi come i colori e suoni emettono delle frequenze. È fortissima anche la relazione con la musica. Vi è una relazione tra il tutto.

Si e vi è una relazione perché si parte dal fatto che tutto è vibrazione. La vibrazione è frequenza. Quindi sta solamente a noi l’avvicinamento a una o altra frequenza che più ci rispecchia e il vibrare con essa. Gli oli essenziali contribuiscono in ciò. Io associo l’aroma terapia attraverso il benessere che ci offre la meditazione, lo yoga e il massaggio e l’utilizzo delle piante. È tutto un insieme.

È una visione olistica?

Si. Non c’è un senso di separazione tra una cosa e l’altra. Tutto è in relazione con l’altro. Più si ampia la visione e più siamo in grado di percepirne gli effetti.

Hai incontrato difficoltà in questi tempi così tecnologici e industrializzati nel dover affermare questo tipo di filosofia e modo di vivere più in serenità ed in contatto con la natura?

In realtà no. Penso che stiamo vivendo un periodo storico di cambiamento proprio nel portare queste nuove conoscenze, che, in effetti, da sempre esistono e che un poco sono cadute nell’oblio. È oggi un ritorno all’origine. Chi intraprende questo percorso, sta solamente riscoprendo quale è la sua vera natura. Si riscopre sé stessi e questo è il fine.

Perché ha denominato la tua azienda “Biomanatura”?

Si chiama così perché volevo utilizzare il termine “Bioma” che significa “Ecosistema completo”, o meglio, “ecosistema naturale completo”, e da qui appunto natura, Biomanatura, ecosistema naturale.

Stai raggiungendo dei traguardi con soddisfazione, ma c’è un sogno per il quale vorresti ancor di più portare avanti questi tuoi lavori?

Si. Oggi sto portando avanti più percorsi contemporaneamente, come la ricerca scientifica, per un maggior sviluppo tecnologico in relazione alle ricette dei prodotti, ecc., e, proseguire il mio percorso di yoga e massaggiatore. Il mio sogno finale sarebbe quello di integrare queste mie attività con l’operato dell’azienda.

Quante sono le persone che collaborano con te nell’azienda?

È un’azienda a conduzione familiare. Tutta la famiglia si prodiga per il benessere collettivo.

Questo è di sicuro un ottimo esempio per coloro che vogliono avvicinarsi alla nostra terra ed isola che offre opportunità di lavoro in questi campi.

Sicuramente si perché la Sardegna è una delle poche terre che, per via della sua posizione geografica e territorio, permette di avere una quantità ed una qualità di piante autoctone con la possibilità di coltivare le piante officinali in una maniera eccellente. Questa terra che vibra di mare e montagna crea proprio un equilibrio straordinario. Ho creduto e credo in questo. www.biomanatura.com

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email