Appunti di storia sarda:
La storia dell’uomo in Sardegna
di Giovanni Idili

 

  • Fenomeni naturali che hanno favorito l’arrivo dell’uomo in Sardegna.

L’arrivo dell’uomo in Sardegna nel Paleolitico Inferiore è stato certamente favorito da specifiche condizioni naturali.
Principalmente due fenomeni, almeno in parte correlati tra loro, hanno contribuito a modificare lo scenario geografico entro il quale questi primi ominidi si muovevano.

Parliamo delle glaciazioni e del cosiddetto eustatismo endogeno. La glaciazione è un periodo caratterizzato da un forte raffreddamento termico che ha come conseguenza la comparsa di spesse calotte di ghiaccio in aree normalmente libere. Il fenomeno, che si presenta su scala mondiale, ha effetti sul clima, abbassamento della temperatura, ma anche scarsa piovosità e temperature più miti in aree normalmente desertiche, e sui mari con un abbassamento del livello marino che in alcune località ha toccato una escursione in negativo rispetto alla quota attuale di oltre 100 m (eustatismo).
La scarsa piovosità e la presenza del ghiacco inaridiscono i fiumi impoverendo i mari. Il risultato, apprezzabile solo in migliaia di anni, e l’abbassamento di questo in favore di una maggiore quantità di terre emerse (lo spazio lasciato libero dal mare).
Nel Tirreno l’effetto si mostrò in tutta la sua evidenza in prossimità dell’Elba, al tempo unita alla Toscana, e del massiccio sardo-corso che rappresentavano un’unica isola. In queste condizioni un attraversamento secondo la direttrice Toscana/Elba –> Corsica/Sardegna dovette risultare agevole.
 

clip_image001

clip_image003

Carta dell’Italia durante l’ultima glaciazione.
Foto tratta da internet

Schema dell’abbassamento e innalzamento marino durante una
glaciazione e alla fine di quella.

Foto dal sito http://vulcan.fis.uniroma3.it


In questo modo giunsero nell’Isola molti animali dei quali ormai conserviamo solo i resti e che si sono estinti da tempo.

Piccoli elefanti come l’Elephas Melitensis, o l’unica tipologia di mammut indigeno del mediterraneo il Mammuthus Lamarmorae, alcuni tipi di scimmie come il Macacus Majori, o l’antilope conosciuta con il nome scientifico di  Nemorhaedus melonii, ancora il Prolagus Sardus un roditore presente solo in Sardegna, il Cynoterium Sardous un canide selvatico simile alla iena, o un grosso cervide il Megaceros Cazioti.

 

clip_image005

clip_image006

Teschio di Macacus Majori.
Foto dal sito Globnet.it

Teschio con corna di Megaceros Cazioti.
Resti dalla Grotta Corbeddu Oliena (NU)

 

clip_image008

clip_image010

Resti scheletrici di Prolagus Sardus.
Foto dal sito http://www.biolib.cz

Ricostruzione dell’immagine di un Prolagus Sardus.
Immagine dal sito http://en.wikipedia.org

 

Forse proprio al seguito di una migrazione di animali i primi gruppi umani di cacciatori si mossero dalla terra ferma affrontando il mare. La relativa vicinanza tra le terre consentiva comunque una navigazione a vista agevolando l’attraversata.

Ovviamente è impossibile stabilire il numero degli individui e i tempi in cui queste migrazioni sono avvenute, ne è ipotizzabile che il fenomeno sia avvenuto unicamente in un solo momento. Certo è che nel giro di qualche migliaio di anni anche le principali isole del mediterraneo risultavano colonizzate.

Oggi non sappiamo cosa sia successo a questi primi gruppi umani ne i motivi che li abbiano condotti all’estinzione, non possediamo infatti sufficienti testimonianze per affermare una continuità di vita, ne siamo informati sulla presenza di uomini e donne nell’Isola nel lungo periodo che va dal Paleolitico inferiore (circa 500 mila anni) alle scoperte della Grotta Corbeddu di Oliena (Nu) datate tra 13 mila e 10 anni (Paleolitico Superiore).

Clikka Qui per leggere la Prima Parte 

Clikka qui per la terza parte                                                                  

Print Friendly, PDF & Email

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0