laura-boldrini


18 aprile 2015 sabato

Oggi si festeggia: san Galdino, vescovo, che si adoperò per la ricostruzione della città distrutta dalle guerre per il potere.
Proverbio del giorno: L’imbecille cade sulla schiena e si sbuccia il naso.
Epitaffio del giorno. Tre lapidi in un cimitero scozzese:
1) qui giace Arthur McGregor, peri’ di dolore per aver perso un nichelino;
2) qui giace JohnAndy McCohen, peri’ nella rissa;
3) qui giace Angus McIntire, peri’ di dolore per essere arrivato troppo tardi.
Da ricordare in attesa del 24 aprile,giorno del ricordo del genocidio armeno.
La notte del 24 aprile 1915 iniziava il sistematico sterminio nei territori dell’Impero ottomano. L’obiettivo dei Giovani Turchi era quello di creare uno stato nazionale. In pochi anni avrebbero provocato 1,3 milioni di vittime, secondo la maggior parte degli storici, e tra i 250.000 e i 500.000 morti per le autorità turche.
Nel 1890 nell’impero ottomano si contavano circa 2 milioni di armeni, in maggioranza appartenenti alla Chiesa apostolica armena, sostenuti nella lotta per l’indipendenza dalla Russia che aspirava a indebolire i turchi per annettere parte dei territori e conquistare Costantinopoli. Per reprimere il movimento autonomista, vennero incoraggiati sentimenti di odio contro la popolazione di origine armena. La rivolta che scaturì fu soffocata dall’esercito turco che uccise migliaia diarmeni nel 1894 (continua)

Accadde oggi:
– 1506. Con la posa della prima pietra da parte di papa Giulio II, a Città del Vaticano iniziano i lavori di
edificazione della Basilica di San Pietro.
– 1902. La Danimarca introduce l’utilizzo della lettura delle impronte digitali per l’identificazione dei
criminali. E’ il primo paese al mondo a disporre questo univoco metodo di
accertamento dell’identità.
– 1948. In Italia si tengono le elezioni per la prima legislatura repubblicana. Per effetto della riforma elettorale e
l’acquisizione del diritto di voto da parte delle donne gli elettori sono circa
30 milioni. Alla Democrazia Cristiana va il 48,5% dei voti.
– 1955. A Princeton negli Stati Uniti muore settantaseienne il signor “E=MC2”: il fisico tedesco
Albert Einstein, padre della teoria della relatività ristretta. Nel 1921 era
stato insignito del premio Nobèl per la fisica per la scoperta della legge
dell’effetto fotoelettrico.

Il Buongiorno bisogna meritarselo

1. Auguro il Buongiorno
a Laura Boldrini, perché impari a non parlare troppo e a essere
più prudente. Anche perché le sue parole sono strumentalizzate, come quelle di
ieri in cui avrebbe detto che era tempo di rimuovere la scritta Dux dalla
colonna al Foro Italico. In realtà, come riportano Il Tempo e l’Huffington Post,
un partigiano avrebbe proposto di abbattere la colonna al Foro Italico con la
scritta “Mussolini dux”, ma la Presidente della Camera ha risposto proponendo un
gesto meno estremo: “O per lo meno è ora di togliere la scritta“. Mi sembra
diverso, ma la Boldrini ha tenuto il sacco di un povero ignorante, e questo non
dovrebbe succedere alla terza carica della Stato.

– ai due barboni, un ragazzo tunisino e uno italiano, che hanno bloccato e consegnato ai carabinieri un
delinquente mentre tentava di violentare la ragazza di 26 anni sul treno
regionale Milano-Piacenza.

– alla Marina militare italiana che ha liberato un peschereccio italiano Airone che era stato sequestrato da un rimorchiatore
libico a 90 km a nord ovest di Misurata. Pirati trattati con i guanti dalla
nostra Marina…va bene, siamo civili, ma non esageriamo…

2. Non auguro il Buongiorno:
– agli inqualificabili individui che nel cimitero Saint-Roch di Castres hanno profanato 215 tombe cristiane. Come era successo,
negli ultimi mesi, D altri cimiteri (cristiani ed ebraici) in Francia. Il
sindaco della cittadina ha reagito con forza, denunciando “la furia
intollerabile con la quale è stato compiuto questo terribile attacco alla
memoria dei nostri morti”. Poco dopo, anche il Presidente dell’Assemblea
nazionale Claude Bartolone ha condannato l’accaduto definendolo “un atto
inaccettabile”.

– al conducente del treno della metro A di Roma che ha
rischiato una surra dopo aver abbandonato il mezzo per aderire allo sciopero. In
questi casi, l’autista arriva al capolinea mentre questi signore aveva
letteralmente abbandonato i passeggeri per strada…e questi volevano fargliela
pagare. Poi l’uomo ha ripreso la guida fino al capolinea.

– alla Bindi, che non solo e’ un gufo ma anche querula. Continua a dire che con il PD di oggi, la
coalizione sociale di Landini ha senso. Ciò che appare senza senso e’ la sua
permanenza nel PD…

Tonino Serra per Medasa.it

Print Friendly, PDF & Email