rosa


11 aprile 2015 sabato
Oggi si festeggia: San Stanislao

Proverbio del giorno: Amicum secreto admone, palam lauda (Ammonisci l’amico in segreto e lodalo in
pubblico).
Aforisma del giorno: Amare se stessi è l’inizio di un idillio che
dura tutta la vita.
(Oscar Wilde (1854 – 1900) scrittore e poeta irlandese)
Accadde oggi:
– 1987. Muore suicida a Torino lo scrittore Primo Levi. Aveva
68 anni ed era stato prigioniero nel campo di concentramento tedesco di
Auschwitz.
– 1997. Incendio nel Duomo di Torino. Una squadra di vigili del
fuoco riesce a salvare la “Sacra Sindone”.
– 2011. In Francia entra in vigore
la legge che vieta di indossare il burqa e l’hijab. La legge impone che nei
luoghi pubblici sia sempre possibile una chiara identificabilità delle persone,
vietando più generalmente anche maschere, caschi e altri occultamenti del
volto.

Il Buongiorno bisogna meritarselo

  • Auguro il Buongiorno
    – al nostro Ilario Carta che tra due giorni terra’ a battesimo il suo primo libro, “I
    giardini di Leverkusen”, sul fenomeno emigratorio sardo dei primi anni Settanta.
    Abbiamo potuto leggere qualche capitolo e abbiamo atteso con impazienza che
    venisse stampato: un sogno che si realizza per Ilario e un successo che tutti
    gli auguriamo con grande affetto.

    – al senatore Pierpaolo Vargiu, uno dei
    firmatari del Ddl sulla disciplina della prostituzione con altri di diversi
    partiti politici tra cui Benvenuto, Triforo, Tocco, Soldi, Muntone, Fansesso. Mi
    ha chiarito che le entrate sarebbero di circa 3 mld l’anno e che si occuperebbe
    del nuovo capitolo di bilancio l’Ufficio delle Entrate…appunto. Tra entrate e
    detrazioni il saldo sarebbe consolidato in circa 2 mld. Si discute sugli
    scontrini fiscali, se per entrata nei locali o per orario di prestazione.
    Comunque si fisserebbe la quota minima in 15 euro la mezz’ora. Chi finisce prima
    non ha diritto al rimborso, ma gli usufruttuari con sei entrate quotidiane alla
    settimana avranno dritto a consumare gratuitamente la domenica con militari e
    minorenni. Ulteriori dettagli saranno discussi in aula, dove il movimento 5
    Stelle Verdi proporrà anche un sistema complesso di abbonamenti da discutere in
    Camera caritatis. La discussione avverrà a porte chiuse, ma sarà’ consentito
    sbirciare dal buco della serratura. La seduta sarà aperta da cinque minuti di
    silenzio in ricordo dell’On. Merlin e dall’erezione di un busto in onore di
    Frine’, la professionista più famosa dell’antica Grecia…ai parlamentari sarà
    imposto di tenere le mani sul banco per tutta la durata dei lavori.

    – alla ministra Stefania Giannini che cerca di far approvare entro maggio il Ddl sulla
    Buona Scuola. Secondo me non c’è la farà perché un Ddl con passaggio nelle due
    camere impiega non meno di tre mesi. E poi, mentre alcuni partiti premono per un
    decreto stralcio sulle assunzioni in tempo utile per il nuovo anni scolastico,
    entra in scena il manifesto dei 27 gruppi che hanno lanciato un appello al
    Parlamento per chiedere di cambiare il ddl: «È necessario aprire un ampio
    confronto per delineare una visione generale, il più possibile condivisa, sul
    ruolo della scuola nella società della conoscenza». Il tutto in 5 proposte:
    lotta alla dispersione scolastica e diritto allo studio per tutti e innalzamento
    dei livelli di istruzione e competenza, anche per la popolazione adulta; più
    autonomia scolastica ma con decentramento dei livelli decisionali e
    partecipazione di tutte le componenti della scuola; revisione dei poteri del
    dirigente scolastico; più finanziamenti pubblici per la scuola; alternanza
    scuola-lavoro per tutti i percorsi scolastici con competenze certificate.
    Bocciate poi le deleghe al governo, perché «riguardano temi troppo importanti
    per non essere affrontati in aula».
    Insomma, una summa onanistica che
    bloccherebbe tutto per i prossimi vent’anni.

 

  • Non auguro il Buongiorno
    – a Matteo Orfini, presidente PD, dal quale mi sarei aspettato un atteggiamento più
    equilibrato sul caso Gianni De Gennaro. Gli ha risposto Raffaele Cantone, il
    presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione: «Gianni De Gennaro è stato
    indagato e assolto. L’assoluzione conta pure qualcosa, quindi non può pagare le
    responsabilità complessive di una macchina intera. Non mi piace l’idea che si
    possa utilizzare questa vicenda bruttissima, drammatica, una delle peggiori
    immagini dell’Italia all’estero, per «tirare» sulla polizia, che spesso è la
    parte più popolare del Paese». In poche parole: la recente sentenza condanna i
    poliziotto protagonisti delle violenze nella caserma Balzanetto durante il G8 di
    Genova 2001, mentre De Gennaro fu assolto dalla Cassazione da queste accuse.
    Ognuno può avere le idee che vuole…vedi processo Meredith e caso Lupi… ma
    sarebbe bene che si rispettassero le sentenze e non si fosse garantisti a
    corrente alternata…la gogna lasciamola nel museo degli orrori.

    – ai responsabili della sicurezza del palazzo di Giustizia di Milano, dove ieri uno
    squilibrato (?) ha ucciso un giudice e altre due persone a colpi di pistola.
    Come e’ stato possibile entrare armati superando il metal detector? E’ vero che
    non funzionava? E’ vero che e’ entrato mostrando un tesserino falso ad un
    ingresso riservato agli abitue’ del Palazzo?
    Comunque sia, paghi chi non e’
    stato in grado di evitare questa tragedia, che e’ anche un’ennesima prova di
    inefficienza dell’Italia di fronte al mondo…ci mancava anche questa.

    – a Isis che ha giustiziato con un colpo alla testa un gruppo di dottori che non
    hanno accettato di prestare soccorso ai miliziani. Non ci credo: i medici curano
    tutti, lo hanno sempre fatto. Semplicemente: gli uomini di Al Baghdadi sono
    bugiardi…bugiardi e assassini.

 

 

Tonino Serra per medasa.it

Print Friendly, PDF & Email

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0