parc_genoni_fossili_archeologia_sardegna

Il PARC

Il Paleo Archeo Centro (P.Ar.C)  è un museo nato nel 2009, in seguito al ritrovamento e scavo di uno dei siti geopaleontologici più interessanti in Sardegna, la cava di Duidduru.

Il museo è suddiviso in tre sezioni : paleontologica, archeologia e la sezione dedicata ai laboratori didattici.

Nella sezione paleontologica, sono esposti 180 fossili del centro Sardegna, pecten, echinidi e un raro crinoide di oltre 250 milioni di anni. Tutti i pezzi sono restaurati e classificati dal Dipartimento di Scienze della Terra di Cagliari e dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici di Sassari e Nuoro. In questa sezione, vengono illustrate le nozioni generali di paleontologia e di geologia, necessarie per la conoscenza della storia della terra e attraverso un’ampia gigantografia si può viaggiare nel tempo, ricostruendo la geologia e la tettonica sarda, in particolar modo quella miocenica, quando la Sardegna era attraversata dal mare. Un’immagine di un attuale mare tropicale può aiutarci a capire lo scenario che caratterizzava la nostra terra in quei tempi antichi, un fondale marino limpido e poco profondo abitato da grossi ricci, scutelle, clypeaster, sand dollars, grossi squali, aturie, coralli e tante altre forme di vita ancora da scoprire.

Nella sezione archeologica del museo, sono raccontate le scoperte nuragiche, puniche e romane del territorio. Si possono ammirare la ricostruzione, dimensioni  1:1 del fondo del pozzo di Santu Antine, il più profondo in Sardegna, ben 39 metri. Le riproduzioni dei bronzetti trovati nel pozzo, che  vanno a coronare questa parte del museo.

Il fiore all’occhiello del museo è l’ampio laboratorio didattico, momento conclusivo della visita e importante supporto per la crescita culturale sia delle nuove generazione che per gli adulti. Attraverso il laboratorio si possono conoscere a fondo il lavoro del paleontologo, dei fossili sardi e con l’utilizzo del microscalpello possiamo simulare il lavoro dei ricercatori e sognare il ritrovamento della nuova specie del secolo.

Sono proposti diversi laboratori didattici, adattabili alle varie fasce d’età e programmi didattici. Attraverso i laboratori vengono affrontati argomenti complessi con un approccio dinamico e attivo che agevola la comprensione e stimola la curiosità dei bambini.

Laboratorio di paleontologia

Durante il Paleolab

Alcuni dei laboratori:

  • PaleoLab: l’obiettivo è quello di avvicinare i bambini e i ragazzi alla paleontologia. Attraverso giochi, e muniti di martellini, colle, scalpelli, di un vero micro scalpello argomenti complessi, si va a svolgere il lavoro del paleontologo.
  • ArcheoLab: il laboratorio sull’archeologia nuragica. L’obiettivo è quello di far scoprire far scoprire la tecnica utilizzata dalle popolazioni nuragiche per costruire i bronzetti. La breve parte teorica sulle popolazioni nuragiche viene presentata nella sezione archeologica del P.AR.C. mentre nell’ampio laboratorio si va a creare la copia di una statuina con materiali adatti.
  • CartaCiclo: attraverso il gioco e la creatività I bambini e i ragazzi imparano come si può riciclare la carta, quanto sia importante farlo e soprattutto quanto è semplice.
  • RiciclOléOlé: il laboratorio dedicato al riciclo attraverso la costruzione di oggetti e giochi.
  • Educazione ambientale: Trasformiamo la Giara in un aula a cielo aperto per prendere confidenza con la natura, riconoscere attraverso i profumi, il tatto e il gioco gli ambienti, i paesaggi.

Il museo, aperto tutto l’anno e oltre a offrire percorsi adatti a scuole e famiglie, questi vengono adattati  a qualunque genere di visitatore. Situato all’interno di un’ampia area verde sul colle di Santu Antine, in punto panoramico, offre una vista mozzafiato sulla Giara di Gesturi, Marmilla e Sarcidano.

Print Friendly, PDF & Email