Fino a non molto tempo fa un disabile intellettivo era impossibilitato a svolgere attività sportive, sia amatoriali che agonistiche. Finalmente adesso tutto è cambiato. DISABILITA’ E SPORT FINALMENTE ORA POSSONO COESISTERE Grazie alle nuove tecniche che ci offre la scienza e a persone qualificate come il Coach Mario Floris nello specifico della nostra esperienza al Secondo Special Camp di Basket in quel di Santa Teresa Gallura, si contribuisce al decadimento di certi radicati ed insensati pregiudizi che lasciano il posto allo spirito d’eguaglianza, facendo si che ora la nostra società eviti ancor piu di giudicare con sufficienza i disabili intellettivi rispetto ai normodotati. In questa settimana abbiamo messo in risalto ancora una volta che fare sport non è più prerogativa solamente dei fisicamente integri: “oggi tutti possono e devono cimentarsi in varie discipline sportive e noi della Polisportiva Olimpia Onlus lo facciamo ormai da decenni e con questo Special Camp sapevamo di certo che non bastano soltanto i buoni propositi ma occorreva creare le condizioni per rendere accessibili a tutti le opportunità di una crescita motoria”. L’attività sportiva non produce esclusivamente un benessere fisico. Non ottimizza soltanto le capacità motorie. È importante rilevare, infatti, che in persone con disabilità di tipo mentale, è possibile favorire lo sviluppo delle capacità logiche ed intellettive. Ciò addirittura diventa un importante strumento educativo per il suo processo evolutivo. Oltre a favorire lo sviluppo cognitivo, diviene motivo di emancipazione e accrescimento. Con questo SPECIAL CAMP DI BASKET abbiamo dimostrato ancora una volta che “L’attività sportiva di gruppo diventa strumento educativo e rieducativo di grande efficacia soprattutto se non perde l’aspetto ludico. Sviluppo di potenzialità individuali, incremento di capacità ed acquisizione di abilità, integrazione in contesti di vita ricchi di relazioni significative, rendono il ruolo del CAMP fondamentale nell’intervento rivolto a soggetti disabili che, in questo modo, hanno la possibilità di trovare elementi di successo e valorizzazione personale, praticando, con alta motivazione e divertimento, un’attività particolarmente benefica. Oltre al miglioramento della forma fisica, allo sviluppo cognitivo conseguente all’apprendimento MOTORIO e, cosa per noi fondamentale, alla SOCIALIZZAZIONE conseguente all’integrazione nel mondo sportivo, vi è un miglioramento dell’autostima. L’attività motoria per la persona disabile è l’esaltazione delle sue, anche se pur residue, capacità e di ciò che sa fare, in un mondo che sempre gli ricorda ciò che non è in grado di essere ma ciò che potrà essere in grado di fare…..
13446057_10208348190335024_727097868_o 13446279_10208348323418351_356073457_o 13453317_10208348184934889_1624176144_o 13460890_10208348184734884_1864082686_o 13461203_10208348325978415_504645063_o 13467361_10208348186014916_481396656_o 13467558_10208348324818386_809858145_o 13467757_10208348189375000_129579831_o 13480453_10208348186494928_2038616017_n 13493186_10208348324258372_1032679028_o 13493397_10208348324938389_1368730890_o
Print Friendly, PDF & Email

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0