E chi glielo farà scordare più questo 2022 alla nuotatrice paralimpica Francesca Secci? Tornata silenziosamente sulla breccia dopo un breve periodo di anonimato, i suoi reiterati passaggi sui podi più alti indoor e outdoor hanno rallegrato diversi ambienti. Non solo in casa Sa.Spo, sua storica società di appartenenza, ma anche nell’orbita FINP (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico) nazionale e regionale, si sono complimentati con lei, perché rivedere una campionessa tornare ai fasti di un tempo è un bel messaggio da rivolgere ai futuri atleti paralimpici; con la forza di volontà si aprono sempre scenari che riempiono la vita.

A Fabriano si è completato l’ultimo capitolo di questa meravigliosa stagione. Nel corso dei Campionati Italiani Assoluti in vasca corta nella classe S9, Francesca aggiunge al suo strepitoso palmares l’oro nei 50 farfalla e nei 100 misti, facendo registrare in entrambe le specialità il record italiano. Il giorno dopo fa festa anche per l’argento nei 100 stile, corroborato da un primato personale.

“A nome di tutta la società Sardegna Sport – sottolinea il presidente Luciano Lisci – formulo le più sincere felicitazioni a Francesca. Sapevamo che prima o poi sarebbe uscita nuovamente allo scoperto, anche perché aveva bisogno di condizioni ideali nel perfezionamento della sua ripresa. La nostra speranza è che in società arrivino nuovi appassionati della piscina; potranno usufruire di preziosi consigli da parte della nostra campionessa”.

Francesca Secci e Alessandro Medda

Il new deal della sirenetta selargina che ha partecipato alle paralimpiadi di Rio 2016 e Pechino 2008 lo si deve anche all’allenatore Alessandro Medda. Grazie alla sua presenza costante, dal vivo, telefonica e via mail, con l’elaborazione di tabelle da osservare scrupolosamente, Francesca non si è mai sentita sola e sicuramente il doppio tesseramento con la Ferrini, che le ha consentito di partecipare a manifestazioni “olimpiche”, ha incrementato la fame di risultati.

Probabilmente proverà a sorprendere anche ai prossimi Campionati Italiani Invernali di Lignano Sabbiadoro: ma sono a marzo, c’è ancora tempo

LE SENSAZIONI DA RECORD DI FRANCESCA

La gara che l’ha soddisfatta di più è quella dei 50 farfalla ed è la stessa Francesca Secci a raccontarlo: “Ha gareggiato con me Vittoria Bianco, nella selezione azzurra alle paralimpiadi di Tokio. Batterla è stata una bella soddisfazione. Il giorno dopo, però, si è presa la rivincita nei 100 stile.

Parliamo di tempi

Il 34.2 nei 50 farfalla si avvicina ai miei migliori di sempre; e quello registrato nei 100 misti (01: 21.41) rappresenta una piacevole sorpresa perché non pensavo di scendere così tanto. Nei 100 stile ho pagato la fatica del giorno precedente soprattutto nella seconda parte della gara, però ho nuotato un secondo in meno rispetto all’anno scorso.

Una Francesca Secci felicissima

Che ambiente hai trovato?

Buona l’organizzazione benché sia stata messa a dura prova dalla massiccia affluenza di iscritti registratasi soprattutto il sabato pomeriggio. Ho incontrato gli eroi dei mondiali di Madeira alcuni dei quali miei ex compagni di squadra alle paralimpiadi di Rio. È sempre bello rivedersi, fare gare insieme, ridere di gusto per le tante battute che si accavallano, specie tra noi ragazze che condividiamo spogliatoi e camera di chiamata. Bello aver condiviso con loro anche i record Mondiali ed Europei che sono stati realizzati proprio nella piscina marchigiana. A testimonianza di quanto l’appuntamento fosse di alto profilo agonistico.

Che pensare del tuo allenatore Alessandro Medda?

Mi ha preparato alla grande e si è dimostrato un eccellente compagno di viaggio”

C’erano altri sardi con te?

Si, ho assistito alla prima volta di Luigi Usai della società sassarese Dimensione Nuoto, arrivato quarto. È stato bravo nel migliorare il suo personale. Speriamo che anche altri nuotatori del nord Sardegna si uniscano a noi.

Silvia Fioravanti e Alessandro Medda festeggiano con Francesca Secci

Quindi appuntamento a marzo?

I Campionati Italiani invernali di Lignano Sabbiadoro si disputeranno in concomitanza con le World Series. Ci sarò, a patto che riesca ad incastrare gli impegni con la scuola. Presumibilmente farò le gare fissate sabato e domenica. In mezzo ci saranno le gare del circuito master in Sardegna che potrò affrontare grazie al tesseramento con la Ferrini Cagliari.

Print Friendly, PDF & Email