EMERGENZA CORONAVIRUS: STOP AI CAMPIONATI PER TUTTO IL MESE DI GENNAIO

A parte le serie maggiori maschili e femminili (A1 e A2), in tutta Italia, fino al 31 gennaio 2022, sono state sospese le attività agonistiche individuali e a squadre a causa dell’emergenza varianti Covid. La decisione è stata assunta dal Consiglio Federale della FITeT dopo aver ascoltato i pareri dei presidenti regionali.

In Sardegna, per adesso, sono saltati i tornei giovanili e veterani di Nulvi e le due giornate di campionati a squadre relative alla serie C2 e D1. Una sola la giornata da recuperare per le protagoniste della serie D2, mentre per quanto riguarda i concentramenti a squadre sono stati rinviati quelli della C femminile e della C Veterani previsti rispettivamente il 23 gennaio e 29 gennaio 2022.

La situazione è ancora troppo incerta per fare delle previsioni: “Difficile ipotizzare la ripresa dell’attività – conferma il presidente Simone Carrucciu – e perciò attendiamo la fine di gennaio per capire se la situazione di emergenza sussisterà ancora”. Intanto si pensa al recupero delle giornate perse: “Anche sotto questo aspetto verranno prese delle decisioni in attesa di un quadro più nitido della situazione – continua Carrucciu – ma l’intenzione sarebbe di adottare delle formule ad ampio spettro che consentano alle squadre di scegliere la data della gara purché individuata entro determinato lasso di tempo, proprio come accadde lo scorso anno per la Coppa Italia”. Ovviamente sono solo delle ipotesi che al momento debito saranno vagliate dal Consiglio Regionale in concerto con la Commissione Campionati. In compenso i patiti della racchetta non resteranno con le mani in mano: “Ricordo che gli allenamenti possono proseguire – conclude Carrucciu – purché nel rispetto del nuovo protocollo diramato qualche giorno fa”.

Per ulteriori approfondimenti consultare questo link: https://www.fitet.org/la-federazione/protocolli-covid.html

Il presidente Fitet Sardegna Simone Carrucciu (Nonsolofoto Cagliari)

TT INTERCUP: VOLA LA MARCOZZI

Ancora un successo netto per la Marcozzi nella sua esperienza in Coppa Europea TT Intercup. La formazione cagliaritana ha ospitato la squadra polacca del Powiat Czestochowski ALTS Poczesna che al Palatennistavolo nulla ha potuto davanti alla superiorità dei vari Maxim Kuznetsov, Massimo Ferrero e Stefano Curcio, autori di un punto a testa, cui si aggiunge quello ottenuto nel doppio Kuznetsov/Curcio.

La classifica vede il club sardo al comando a punteggio pieno nella Pool E che annovera come protagonisti anche i tedeschi del Sc Wewer (già battuti in trasferta lo scorso 20 novembre 2021) e i belgi del TTC And Leie.

In Europe Cup Women il Quattro Mori Cagliari, dopo aver superato brillantemente i primi due turni, affronterà le ungheresi dell’SH-ITB Budaörsi Sport Club, con l’andata sabato 15 alle 18 a Budaörsi e il ritorno mercoledì 19 alle 18,30 a Cagliari.

La Marcozzi Cagliari in versione TT Intercup

COPPA ITALIA: MARCOZZI QUARTA MA SEMPRE ALL’ALTEZZA

Sia il Top Spin Messina, sia il Castel Goffredo hanno dovuto fare gli straordinari per avere ragione della Marcozzi nel corso del week end di Coppa Italia maschile tenutosi a Napoli l’8 e il 9 gennaio 2022. La semifinale si è chiusa 3-2 in favore del team siciliano ma la formazione guidata da Stefano Curcio è stata brava a passare in vantaggio col doppio Amato/Giovannetti. Poi il cubano Moises Campos si è arreso al danese Groth dopo cinque set, ma si è riscattato nella sua seconda uscita domando, sempre al quinto, Matteo Mutti. Più nette sono apparse le sconfitte di Giovannetti e Amato, rispettivamente contro Rech e Ghroth.

L’indomani, con lo stesso punteggio, il team isolano soccombe anche nei confronti del Castel Goffredo. Anche in questo caso si fa notare Moises Campos che sblocca il risultato nel doppio con la complicità di Amato e poi infligge una netta sconfitta a Bressan. I punti della vittoria mantovana arrivano da Yefimov che non lascia neppure un set sia a Giovannetti, sia ad Amato e da Baciocchi che supera Giovannetti.

Nella Coppa Italia femminile avrebbe dovuto partecipare il Tennistavolo Norbello ma nel capoluogo partenopeo si sono ritrovate solo due atlete perché la terza è stata bloccata dal Covid. La dirigenza avrebbe risolto con l’innesto di una giocatrice di A2 ma il regolamento non lo consentiva. E quindi la competizione si è trasformata in un triangolare.

Moises Campos

PROSSIMI APPUNTAMENTI IN SERIE A

Nel fine settimana sono protagoniste sia le formazioni femminili e maschili di A1, sia quelle di A2 maschile.

A Norbello, sabato 15 gennaio 2022, alle 17:00, la palestra comunale di via Azuni ospita la partita doppia di A1 maschile e A1 femminile tra Tennistavolo Norbello e Castel Goffredo.

Lo stesso giorno la Marcozzi è impegnata sul campo del Reggio Emilia. Lunedì 17 gennaio il Quattro Mori Cagliari riceve la Bagnolese al Palatennistavolo (ore 15:30).

Nel girone B della A2 maschile la gara Ausonia Enna – Marcozzi è stata rinviata, mentre Torre del Greco – Tennistavolo Sassari si disputerà domenica 16:00 a mezzogiorno.

RECUPERO D1/A: IL TT GUSPINI CONSOLIDA IL PRIMATO

Il recupero tra Santa Tecla Nulvi e TT Guspini sanciva chi delle due squadre sarebbe stata campione d’inverno, essendo l’ultimo incontro mancante per chiudere il girone di andata del girone A della D1. Lo racconta il tesserato anglonese Francesco Ara: “Il Guspini si presenta a Nulvi con la formazione tipo, mentre noi, data l’indisponibilità di Luca Pilo, abbiamo schierato la new entry Egidio Zamara. Egidio, originario di Como, di recente si è trasferito in un paese vicino Nulvi, e da qualche mese si allena con noi. Nonostante ciò, non avevamo ancora un’idea precisa del suo livello poiché non lo avevamo mai visto giocare una partita, e bisognava poi considerare che non disputava un match ufficiale da più di due anni. Ad aprire i giochi sono Roberto Caddeo e Manuel Broccia. Roberto parte bene aggiudicandosi il primo set, ma subisce poi la rimonta dell’avversario che fa sua la sfida per 3-1. Peccato per il terzo set in cui Roberto aveva accumulato un buon vantaggio ma non è riuscito a concretizzarlo. La mancanza di allenamento diventa un fattore determinante in questo tipo di incontri, poiché Roberto ha meno fiducia nei suoi colpi e si chiude un po’ troppo in una posizione passiva, e contro avversari giovani e allenati come Manuel diventa molto difficile spuntarla con questo tipo di gioco. Nella seconda sfida arriva finalmente l’esordio di Egidio, opposto al coach guspinese Fabiano Peddis. Egidio parte benissimo vincendo il primo set, ma anche qui, come Roberto, subisce la rimonta dell’avversario che vince 3-1. Fabiano è un giocatore molto intelligente, è riuscito a mettere in atto dei piccoli accorgimenti tattici nei set successivi che gli hanno permesso di svoltare la partita. Nella terza sfida vita facile per Mark Anderson che supera per 3-0 il più giovane dei fratelli Broccia, Luca, sfruttando tutta la sua esperienza per impedire all’avversario di esprimere al meglio il suo gioco.

Fabiano Peddis (Foto Tomaso Fenu)

Nel quarto incontro si sfidano Egidio e Manuel. Il copione è ancora una volta lo stesso, vinciamo il primo set ma perdiamo 3-1. Egidio fa vedere buone cose però commette un po’ troppi errori gratuiti, che un difensore come lui dovrebbe evitare. Ma lo ritengo assolutamente comprensibile vista la sua situazione: dopo una lunga assenza dagli incontri ufficiali, esordire con una nuova squadra e ritrovarsi a giocare subito una sfida decisiva per il primo posto non è per niente semplice, e poi bisogna considerare anche gli avversari di tutto rispetto, visto che sia Fabiano, sia Manuel sono tra i migliori giocatori del campionato. Sul 3-1 per Guspini si affrontano Roberto e Luca Broccia. La musica non cambia: si parte bene, si vince il primo set, si continua meno bene e si perde 3-1. A conti ormai fatti, con il Guspini avanti 4-1, scendono in campo Mark e Fabiano. Un incontro lunghissimo e combattutissimo, tra due giocatori molto tattici. Alla fine, la spunta Fabiano che si aggiudica il quinto set 11-8, ponendo fine alla gara. Per Mark è la prima sconfitta in questo campionato, ma a mio avviso anche in questa sfida ha dimostrato un eccellente stato di forma e degli enormi progressi rispetto a quando l’ho conosciuto. Ritengo doveroso fare i meritati complimenti alla società di Guspini. Quella di D1 è un’ottima squadra e nel girone di ritorno sarà molto difficile impensierirla. I due Broccia possono solo migliore da qui ai prossimi mesi, e Fabiano è una sicurezza in campo e un’ottima guida in panchina per i suoi due giovani compagni”.

Print Friendly, PDF & Email