ALL’ISTITUTO AD INDIRIZZO SPORTIVO PORCU SATTA DI QUARTU PROSEGUONO LE LEZIONI DEDICATE AL TENNISTAVOLO

Per la sesta volta nelle aule scolastiche. La collaborazione tra la Federazione Italiana Tennistavolo Sardegna (FITET) e l’Istituto Comprensivo ad indirizzo sportivo Porcu-Satta di Quartu S. Elena persevera nell’anno scolastico 2021-22 con la consapevolezza che racchetta e pallina appassionino gli alunni al punto di diventare uno sport di riferimento a tempo pieno. “Abbiamo legittimato la nostra presenza in classe, già di per sé un successo – conferma il presidente della Fitet isolana Simone Carrucciu presente a Quartu S. Elena per la lezione inaugurale tenuta assieme al tecnico Ana Brzan con la supervisione della docente-tutor Lorena Frau – ma con la certezza che tanti discenti ricorderanno negli anni quest’esperienza, potendola trasmettere nei ricordi alla loro cerchia parentale e amicale.”.

Il presidente regionale Fitet Simone Carrucciu con la 2^ C del Porcu-Satta

Carrucciu si è levato il giubbino e ha dato una dimostrazione pratica di come funziona il tennistavolo, palleggiando con Ana Brzan. L’allenatrice italo-slovena si è ugualmente interfacciata con i 24 alunni della seconda media, sezione C. “Io e Simone ci siamo presentati ai giovani uditori – descrive Ana – e per creare subito un clima di reciproca collaborazione abbiamo esposto brevemente le regole del gioco, dando inoltre dei ragguagli su forma e sostanza di racchette e palline. Da subito abbiamo spiegato che il nostro sport è anche paralimpico, ma molti di loro non sono cascati dalle nuvole”.

In piedi Ana Brzan attende il suo turno per impartire le lezioni di Tennistavolo al Porcu Satta

Nelle dieci lezioni totali Ana sarà coadiuvata dalla giocatrice Eleonora Trudu: “Insieme spiegheremo i rudimenti della disciplina – conclude Brzan – come si impugna la racchetta e altre cose semplicissime. Sperando sempre che qualcuno possa rimanerne particolarmente attratto”.

TORNEI REGIONALI: A NORBELLO SI RIVEDONO GLI SPECIALISTI DI TRE CATEGORIE

Oltre ai campioni delle serie maggiori che con regolarità popoleranno la struttura durante l’intera stagione agonistica, nella palestra comunale di Norbello, dopo due anni, affluiscono un bel po’ di pongisti provenienti da tutta l’isola che in tre giorni (30, 31 ottobre, 1° novembre 2021) si sono sparpagliati nei tornei maschili e femminili di 6a, 5a e 4a categoria.

Un gran bel daffare per lo staff organizzativo della società guilcerina che si è saputa ben districare con i protocolli da far osservare, sia all’ingresso, sia durante le competizioni. Soddisfatto Simone Carrucciu che all’interno dell’impianto agiva non solo come padrone di casa, ma anche in veste di presidente della Fitet Sardegna. “Abbiamo avuto i primi segnali concreti di ritorno alle manifestazioni individuali – ravvisa Carrucciu – sebbene non si siano ancora registrate le adesioni massicce dei periodi ante covid; ma penso che sia solo questione di tempo. Vorrei ringraziare gli atleti intervenuti, gli arbitri ed il personale che ha vigilato per la buona riuscita della manifestazione. La vivacità riscontrata nella tre giorni mi auguro che sia da stimolo per tutti glii appassionati in un futuro molto prossimo; certe emozioni a contatto con tanti altri praticanti meritano di essere rinverdite”.

a sx il presidente del Tennistavolo Norbello Carrucciu durante una premiazione

Quanto ai risultati, i 4a categoria maschili hanno sorriso al medico guspinese Francesco Lai (Muraverese TT). Il podio più alto dei 5a maschili premia una società del Sarrabus, il Muravera TT, anche se il vincitore Elia Licciardi è un lanuseino purosangue. Nell’omologa categoria femminile emerge Chiara Scudino del Tennistavolo Sassari, società che anche nel primo giorno di gare, riservato ai 6a, ha avuto l’onore di avere il suo tesserato Alexander Evans tra i vincitori.

QUARTA CATEGORIA

Nel giorno di Ognissanti si ritrovano in dieci e la testa di serie n. 1 Francesco Lai rispetta il pronostico assaporando un successo che gli mancava dall’inverno 2020.

“Questo week end son finalmente tornati in scena i tornei regionali di categoria – osserva Francesco Lai – e quale occasione migliore per mettere in cascina un po’ di partite e rivedere gli amici del tennistavolo, in primis i miei compaesani del TT Guspini, che devo dire come sempre han venduto cara la pelle! La partita più difficile del torneo è sicuramente stata la prima: bravissimo Fabiano Peddis che si arrende solo al quinto set grazie a degli ottimi servizi e dei controtop di rovescio incontenibili. Dopo lo spavento iniziale, le altre partite si son concluse in maniera più agevole, nonostante alcuni cali di concentrazione. In finale altro scontro ‘in famiglia’ con il mio ex compagno di squadra Silvio Dessi (TT Guspini), confermando l’ottimo stato di forma che sta attraversando (nessuna sconfitta stagionale prima di questa finale). Mi spiace aver interrotto la sua striscia, ma meglio in torneo che in campionato dove gli auguro di togliersi tante soddisfazioni. Al di là della vittoria finale, anche per me spero questo torneo sia servito a fare un po’ di allenamento in ottica campionato, per cercare di raggiungere la salvezza in B2 insieme ai miei compagni Andrea Piras e Michele Buccoli. Non è semplice ma ci proveremo”.

Podio 4^ categoria maschile

Il percorso verso il podio più alto di Francesco Lai è stato contrassegnato anche dal successo in semifinale su Francesco Ara (Santa Tecla Nulvi); mentre Dessì ha ottenuto la piazza d’onore prevalendo su Vito Moccia (TT Carbonia) e sul suo compaesano Francesco Broccia (Santa Tecla Nulvi). È giunto al tabellone finale pure Pietro Pili (TT Carbonia).

QUINTA CATEGORIA MASCHILE

Come da tradizione è la competizione che attira un maggior numero di racchette rispetto alle altre categorie. Nel borgo guilcerino se ne sono presentate 36 in rappresentanza di 18 società. Nel tabellone compilato dall’arbitro Nicola Mazzuzzi figura come favorito Giuseppe Lepori (Torrellas Capoterra), seguito da Roberto Murgiano (Azzurra Cagliari) e Gianni Pintus (Guilcier Ghilarza).

Ma la classifica finale dirà tutt’altra cosa, soprattutto anagraficamente parlando perché Elia Licciardi (Muravera TT), 15 anni da compiere, esibisce le qualità per avere la meglio su tutti, anche se per accedere in finale e battere il sopracitato Pintus ha ingaggiato una battaglia all’ultimo set col suo compagno di scuderia e concittadino Emanuele Cuboni.

I due lanuseini in forza al Muravera TT Elia Licciardi ed Emanuele Cuboni (Foto Luciano Saiu)

Parola al vincitore: “Nel complesso il mio torneo è andato bene ma la partenza nel girone non è stata delle migliori. Dopo un 3-0 con l’ostico Salvatore Zinchiri (GS TT Alghero), ho dovuto affrontare il mio coetaneo Manuel Broccia (TT Guspini). Ho vinto il primo set ma è riuscito a prendermi i successivi tre. Manuel fa tutto bene, apre al momento giusto, è veloce e costante. Forse non ero pronto a giocarmi una finale già nel girone di qualificazione e comunque la sua è stata una vittoria ampiamente meritata. Il mio cammino prosegue con Massimo Carta (Torrellas Capoterra). Sia a causa della sua esperienza, sia per non aver assorbito completamente il colpo precedente, mi mette in difficoltà portandosi sul due a zero. Riesco ad uscirne con calma vincendo i tre set successivi. Questo incontro è stato determinante per il proseguo del mio torneo. Entro nel tabellone come secondo e nel pre-turno trovo il mio ex compagno di squadra Maurizio Cuboni. Certo è che il presidente dello Sporting Lanusei non ha dato il massimo, permettendomi di chiudere con il risultato di 3-0. Agli ottavi incontro la temutissima testa di serie numero 1 Giuseppe Lepori (Torrellas Capoterra); è chiaro che per me il torneo stava iniziando in questo momento. Parto sotto di un set recuperando i tre successivi. Nei quarti è la volta di Mark Dean Anderson (Santa Tecla Nulvi): stessa identica storia, parto sotto di un set e vinco 3-1 con buonissime sensazioni perché finalmente mi sono espresso senza paure. Nel tavolo a fianco disputava i quarti anche il mio compagno di squadra Emanuele Cuboni (Muravera TT). E così si materializza l’incubo peggiore perché in semifinale me la devo vedere con un giocatore che mi conosce a memoria, come d’altronde io nei suoi confronti. Parto perfettamente nei primi due set e subisco il ritorno nei successivi due, in qualche modo l’ultimo set sono riuscito a portarlo a casa guadagnandomi la finale. Pur non avendo molte forze a disposizione, sapevo di avere una ghiotta possibilità da gestire nel migliore dei modi. Gianni Pintus, in finale, si è dimostrato un avversario molto onesto in occasione di uno spigolo che solo lui ha visto; inoltre a mio avviso stava pagando le fatiche dei turni precedenti. Conoscevo il suo gioco avendolo incontrato in D1 qualche anno fa; bene o male avevo una mezza idea di come giocarci. Vinco 3-0 con il grande orgoglio di aver finalmente superato un importante gradino. Colgo l’occasione per fare i complimenti a Manuel Broccia, Emanuele Cuboni, Federico Ibba, Zemgus Lai e Mattia Pala, amici e rivali nei tornei giovanili. Inoltre, vorrei ringraziare i tecnici Nicola Pisanu e Francesca Saiu per avermi dato i consigli”.

Podio 5^ categoria maschile

Nella sua corsa verso la finale, Gianni Pintus ha estromesso nell’ordine Pierpaolo Mura (Tennistavolo Sassari), Manuel Broccia (TT Guspini) e Nazzaro Pusceddu (Tennistavolo Paulilatino 2014).

Tra i primi otto figurano inoltre Samuel Paganotto (Libertas Ping Pong Monterosello Sassari) e Fabrizio Melis (TT Guspini).

QUINTA CATEGORIA FEMMINILE

Nove partecipanti e pronostico rispettato in pieno con Chiara Scudino del Tennistavolo Sassari che si impone battendo in finale la sua compagna di squadra Maria Laura Mura.

“Ho ripreso a giocare a tennistavolo dopo un’assenza di tre anni”, sottolinea la giovane vincitrice che poi riassume il suo exploit: “Nel girone ho incontrato le ragazze del Torrellas Capoterra Elisa Floris e Letizia Pusceddu. Nei due incontri ho perso un solo set, contro Letizia che ho battuto però per 3-1. In semifinale, opposta a Maria Pia Are (Tennistavolo Oristano), ho faticato maggiormente, riuscendo comunque a portare a casa la partita con il punteggio di 3-1. Sono poi stata contenta di aver giocato la finale contro la mia compagna di squadra Maria Laura. A prescindere dalla vittoria sono comunque molto felice di aver ripreso a praticare questo bellissimo sport”. La Mura è approdata al derby finale battendo due capoterresi: prima Letizia Pusceddu e poi Sara Floris. Nel tabellone era presente anche Maria Egle Fanni (Tennistavolo Oristano).

Podio quinta femminile

SESTA CATEGORIA MASCHILE

Il ritrovo che ha aperto la tre giorni norbellese ha assemblato 16 partecipanti suddivisi, nella prima parte, in quattro gironi. Alexander Evans parte come testa di serie n. 7 ma alla fine porta a casa il suo primo successo importante avendo ragione, in finale, del marcozziano Dzintars Lai. “Le partite più difficili – rammenta il pongista del Tennistavolo Sassari – sono state le ultime due; in semifinale ho rischiato grosso opposto a Filippo Picciau (Marcozzi) che negli ultimi due set si è arreso ai vantaggi. Un’altra partita difficile è stata la finale perché anche lì conducevo per 2-0 ma nel terzo set mi sono ritrovato sotto per 7-10; a quel punto sono riuscito a riprendere la partita con difficoltà e alla fine a vincere”.

Alexander Evans

Alexander ne approfitta per raccontarci un po’ di lui: “Ho scelto il tennis tavolo per diverse ragioni, in primis perché a casa avevo un tavolo e da piccolo giocavo quasi ogni sera con mio nonno, mio fratello e i suoi amici. Poi quando avevo dieci anni feci una prova ma continuai a giocare a tennis e basket. Ma arrivato alla scuola media (la numero 2 di Sassari) grazie a un mio amico, Daniele Caria, che mi convinse a iscrivermi nella società, decisi di continuare. Non ho ancora molta tecnica però quando gioco non penso a niente e poi resto rilassato sia in caso di vittoria, sia di sconfitta. Insomma, mi piace giocare e mi diverto”. Infine, qualche pensiero: “Dedico questa vittoria a tutti gli allenatori avuti in questi anni e a Marco Poma che mi ha seguito e incoraggiato durante le partite; e poi anche alla mia famiglia. Cercherò di migliorare il più possibile in futuro”.

Podio 6^ categoria maschile

Il percorso ad eliminazione diretta di Dzintars Lai comincia nei quarti, quando estromette il presidente del Santa Tecla Nulvi Francesco Maria Zentile. Prosegue poi con il successo su Giuseppe Mellai del Tennistavolo Paulilatino 2014.

Hanno disputato i quarti anche Giammarco Mereu (Tennistavolo Sassari) e Alberto Piras (Muraverese).

A1 MASCHILE: MARCOZZI BATTUTA A MESSINA

Nel recupero della seconda giornata, la A1 maschile della Marcozzi Cagliari ha perduto con onore in casa della società vicecampione d’Italia Top Spin Messina. A dare più di un grattacapo ai siciliani è stato il cubano Jorge Moises Campos autore di una doppietta, ma anche Antonino Amato e Tommaso Maria Giovannetti non hanno sfigurato davanti ad atleti dai nomi altisonanti come Zhmudenko, Rech e Mutti.

Marcozzi Cagliari e Top Spin Messina (Foto Vincenzo Nicita Mauro)

FRANCESCA SEU E LAURA ALBA PINNA A LIGNANO IRROBUSTISCONO IL BAGAGLIO INTERNAZIONALE

Non sono andate oltre il primo turno, ma per le sardissime Francesca Seu (Muravera TT) e Laura Alba Pinna (Tennistavolo Sassari) le esperienze accumulate agli WTT Youth Contender di Lignano Sabbiadoro sono preziosissime in chiave futura. Nel torneo riservato alle under 13 Francesca era compresa nel girone 4 dove è stata sconfitta dall’austriaca Celine Anubis Panohlzer. Nel secondo match ha superato l’elvetica Ilvi Ulrich ma in precedenza era stata battuta dalla croata Nikolina Milicevic.

Francesca Seu (Foto Fitet)

Laura Alba, inserita nel girone 1 si è arresa a Nina Skerbinz (Austria) e Maria Berzosa Casas (Spagna).

Seu ha poi proseguito anche nell’under 15: coinvolta nel raggruppamento n. 9 ha dovuto cedere a Lilou Massart (Belgio) ed Enya Moltara (Slovenia).

Nell’under 19 maschile ha gareggiato il marcozziano ma laziale Tommaso Maria Giovannetti che superata la prima fase si è dovuto arrendere al secondo turno ad eliminazione diretta.

Laura Alba Pinna (Foto Fitet)

TENNISTAVOLO SASSARI VITTORIOSO ALL’ESORDIO IN COPPA EUROPEA

Prima esperienza continentale assoluta per il Tennistavolo Sassari che nobilita con un successo interno (4-1) ai danni del club austriaco TTC Raiffeisen Kuchl B. La gara rientra nel girone C della TT Intercup dove oltre alle due contendenti risultano iscritte anche il TSV Korntal Tischtennis (Germania) e il DT Nidderkäerjeng (Lussemburgo).

Mattatori della gara europea Ganiyu Ashimiyu e Marco Poma. Il nigeriano ha vinto il secondo e il quarto singolare. Il monserratino il primo, e insieme hanno prevalso anche nel doppio. Rimane all’asciutto Tonino Pinna.

Il punto finale lo ha suggellato Ganiyu Ashimiyu nei confronti di Jan Nemeth: 3-0

La prima volta del Tennistavolo Sassari in Intercup

IL CONCORSO FOTOGRAFICO INTERNAZIONALE “OBIETTIVO TENNISTAVOLO” SUPERA UN DECENNIO

Un appuntamento che non si prende mai pause di riflessione. Accade ormai da undici anni di fila che l’autunno pongistico venga condito da un concorso fotografico internazionale, frutto dell’iniziativa targata Tennistavolo Norbello, che mira ad estendere il suo raggio d’azione nel mondo. Il tema del 2021 è “Tennistavolo per tutti” e gli amanti degli scatti avranno tempo fino al 30 novembre 2021 per inviare le loro produzioni originali.

Per tutti i dettagli dell’iniziativa denominata “Obiettivo Tennistavolo” è opportuno visitare il sito www.tennistavolonorbello.it. Come è sempre accaduto finora i migliori tre scatti saranno ufficializzati il giorno dell’Immacolata (8 dicembre) quando nella palestra comunale di via Azuni si giocherà il Trofeo Internazionale Città di Norbello, giunto alla dodicesima edizione.

CAMPIONATI A SQUADRE REGIONALI: I RECUPERI

Due i derby in famiglia recuperati lo scorso week end. Nel girone B della D1 sono scese in campo Carbonia Blu e Carbonia Bianca. Ecco come l’ha vissuta il blu Vito Moccia: “Tutto si è svolto in un clima sereno, ma non per questo privo di emozioni e tensione emotiva, se vogliamo anche maggiore rispetto alle altre partite di campionato. Nelle file della squadra bianca manca il giovane Federico ibba e Luciano Macrì non è al top della forma per via di un problema al braccio speriamo in via di risoluzione. Il match si conclude 5-1 a nostro favore. Secondo me le partite più interessanti ed equilibrate sono state Marco Lai – Luciano Macrì, match tiratissimo vinto per 3-1 da Marco; Marco Ibba – Lai, con il primo atleta in netta ascesa che mette in seria difficoltà il mio compagno di squadra e cede solo al quinto set. E poi Pietro Pili – Enrico Bianciardi, vinta da Enrico per 3-1, risultato che in base alle classifiche potrebbe sembrare una sorpresa, ma testimonia l’ottimo momento di forma del trionfatore che ha ripreso ad allenarsi con costanza ed efficacia. Sono quindi convinto che i miei compagni della squadra bianca faranno un ottimo percorso in questo campionato e venderanno cara la pelle a tutte le squadre avversarie”.

Walter Barroi del TT Carbonia

Nel girone C della D2 conti in casa per i tesserati del Decimomannu. Vince la squadra Blu in base ad un andamento descritto ampiamente da Marco Podda: “Dopo un anno e mezzo di stop forzato, per noi “professionisti” della D2 finalmente si riprende a combattere sui tavoli. Si inizia con il derby ed affrontiamo con ancor più grinta i compagni di tanti allenamenti. Per la nostra squadra comincia Italo Fois, affronta Antonello Mura facendo suo l’incontro con gioco paziente ed attento che, al di là del secco 3-0, lo ha visto impegnato ad inseguire i palleggi corti della puntinata di Antonello. Segue la partita tra Fabio Ferrabue e Francesco Mela. Iniziamo bene, Fabio si aggiudica il primo set, poi tentenna troppo sul secondo che perde ai vantaggi. Termina 3-1 per gli avversari. Francesco col suo gioco prevalentemente difensivo imbriglia Fabio che non riesce a sganciarsi dal palleggio continuo e preciso dell’avversario. La terza partita vede Daniele Pitzanti contro Aldo Franceschi. Finisce 3-1 per il mio compagno di squadra, ma Aldo aveva iniziato bene perdendo la prima frazione solo ai vantaggi e vincendo il secondo.

Il derby di D2 in casa Tennistavolo Decimomannu (Macchina fotografica di Tomaso Fenu)

A questo punto Daniele, però, abbandona il gioco difensivo di solo palleggio ed inizia ad attaccare dando filo da torcere ad Aldo che non riesce a controbattere. Sul 2-1 per noi si affrontano al tavolo Fois e Mela. Contro ogni previsione Francesco vince contro un Italo ancora fuori condizione e riporta in parità l’incontro. Nel dettaglio, dopo un primo parziale vinto in scioltezza, Italo abbassa la guardia e Francesco col suo gioco paziente e qualche attacco sporadico ma decisivo, si aggiudica i successivi tre set, tutti con il minimo scarto. Nella quinta partita Daniele gioca contro il nostro presidente Tomaso Fenu che subentra ad Antonello. Ne vien fuori un bell’incontro fatto di attacchi e rovesciamenti continui che si conclude 3-1 per Daniele che perde il secondo set, ma tiene a bada il gioco di Tomaso negli altri set. L’ultimo decisivo incontro è tra il sottoscritto, che subentra a Fabio, e Aldo Franceschi. Pur conoscendoci molto bene pongisticamente, gli incontri ufficiali rimangono sempre un’incognita. Poi, con Aldo non puoi permetterti di abbassare la guardia fino all’ultimo punto. Iniziamo un poco a rilento e, sul finire della prima frazione, Aldo mi sorprende con un paio di attacchi ben piazzati e si aggiudica il parziale. Nei successivi tre set faccio più attenzione a non farmi aggredire e riesco a piazzare qualche attacco vincente che mi consente di chiudere 3-1 l’incontro ed aggiudicare la partita per il Decimo Blu”.

a sx Marco Podda affronta Aldo Franceschi (Foto Tomaso Fenu)

RIPRENDONO I CAMPIONATI A SQUADRE

Accantonati i tornei individuali, nel prossimo week end ritornano i campionati nazionali e regionali che, D2 a parte, giocheranno la terza giornata d’andata.

In serie A1 maschile la Marcozzi di Cagliari ospita il Sant’Espedito Napoli (sabato 6 novembre 2021,via Crespellani h. 19:00), mentre lo stesso giorno, ma con un’ora di anticipo, il Tennistavolo Norbello sarà di scena sul campo della capolista e campione d’Italia in carica Apuania Carrara.

La prima delle compagini sarde a disputare l’incontro di A1 femminile sarà il Quattro Mori di Cagliari che a Mulinu Becciu (venerdì 5 novembre, h. 20,00) si misura con il TT Ennio Cristofaro. Trasferta in Lombardia per il Tennistavolo Norbello che domenica 7 novembre sfida le pongiste del TT Marco Polo.

Gioca fra le mura amiche la Marcozzi di Cagliari in A2 maschile: sabato 6 novembre riceve al Palatennistavolo il TT Stella del Sud Napoli. Mentre il Tennistavolo Sassari sarà impegnato domenica 7 novembre con i tavoli del CIATT Prato.

Nel campionato nazionale di serie B2 composto totalmente da squadre sarde due match si giocano di sabato sera: alle 15:30 (palazzetto dello Sport) il Santa Tecla Nulvi FerrariPay ospita Il Cancello Alghero. Alle 16:45 derby cittadino nella palestra comunale di viale Rinascita tra Muraverese Rossa e Muravera TT. Domenica mattina, alle 11:00, presso la palestra comunale di Corso Cossiga a Sassari, i padroni di casa del Tennistavolo Sassari ospitano i giocatori del Santa Tecla Nulvi Coop San Pasquale.

In C1 trasferta romana, sabato sera, per il Tennistavolo Sassari che va a fare visita al Giovanni Castello.

Giocatori di serie C2 (Foto Tomaso Fenu)

Nel massimo campionato regionale di serie C2 si giocano le seguenti gare, tutte di sabato:

ore 16:00 Decimomannu-Guilcier Ghilarza, ore 16:30 TT Guspini – Muraverese, ore 16:30 Muravera TT– Tennistavolo Norbello; ore 17:00 Azzurra – La Saetta (via Carpaccio).

Si gioca anche nei due gironi della serie D1.

Per ulteriori approfondimenti visitare il Portale Risultati sia sul sito www.fitet.org, sia sul sito www.fitetsardegna.org

Print Friendly, PDF & Email